21
Settembre
2015
|
11:32
Europe/Amsterdam

Al Bol d’Or Pirelli trionfa per il quarto anno consecutivo con il Team Kawasaki SRC e vince anche la Coppa del Mondo Endurance Superstock con il team Traqueur Louit Moto 33

Il team composto dai piloti Fabien Foret, Gregory Leblanc e Matthieu Lagrive porta alla vittoria nella prestigiosa competizione endurance la Kawasaki ZX10R numero 11 equipaggiata con pneumatici Pirelli DIABLO™ Superbike tagliando il traguardo con due giri di vantaggio sul secondo team classificato

Per il quarto anno consecutivo l’accoppiata vincente composta da pirelli e dal Team Kawasaki SRC vince il Bol D’Or, la prestigiosa competizione endurance della durata di 24 ore che fa parte del Campionato Mondiale FIM Endurance e che quest’anno, a distanza di quattordici anni, è tornata a corrersi sul rinomato circuito francese Paul Ricard di Le Castellet, dopo che negli ultimi anni era stata ospitata da un altro circuito francese, quello di Nevers Magny-Cours.

Kawasaki SRC team on the podium

In questa 79ª edizione del Bol d’Or, i piloti Fabien Foret,Gregory Leblanc e Matthieu Lagrive del Team Kawasaki SRC con la ZX10R numero 11 gommata con pneumatici Pirelli DIABLO™ Superbike hanno vinto la gara con un vantaggio di 2 giri sul secondo team classificato.
Pit stop
Ma questa non è stata l’unica soddisfazione del weekend per pirelli e per la casa di Akashi: il team Traqueur Louit moto 33, con il quinto posto finale sul circuito Paul Ricard, si è assicurato infatti la conquista della Coppa del Mondo endurance Superstock. Il team Kawasaki SRC ha fatto una gara perfetta ma sicuramente non facile. A causa di diversi incovenienti tipici di una gara endurance si sono infatti avvicendati diversi team alla testa della gara ma alla fine a trionfare, anche quest’anno, è stato il team della casa di Akashi. Nel corso della gara il team Kawasaki SRC ha effettuato 27 pit stop utilizzando diversi pneumatici Pirelli della gamma slick DIABLO™ Superbike.
In particolare, mentre all’anteriore l’unica soluzione utilizzata è stata la SC2 di gamma, al posteriore sono state utilizzate due soluzioni diverse già sperimentate anche nel Campionato Mondiale FIM Superbike. La soluzione di sviluppo U0544 è stata in assoluto la più utilizzata durante la gara perchè molto versatile ed adatta anche a temperature più rigide tipiche delle ore notturne, mentre per le ore più calde si è optato per la soluzione T0611, che quest’anno è stata utilizzata diverse volte dai piloti del Campionato Mondiale FIM Superbike oltre che essere stata la gomma di gara nel round delle derivate di serie svoltosi oggi ad Jerez della Frontera in cui un altro pilota Kawasaki, Jonathan Rea, è stato incoronato Campione del Mondo, e la casa di Akashi ha vinto il suo primo Mondiale Costruttori.
Kawasaki SRC team celebrating
La categoria endurance Superstock nella quale Pirelli ha vinto la Coppa del Mondo endurance è una sottoclasse all’interno del Campionato Mondiale FIM endurance alla quale possono partecipare quei team che utilizzano moto molto simili a quelle di serie e che, tra le altre caratteristiche, non dispongono dello sgancio rapido per gli pneumatici e che, per questo motivo, effettuano tendenzialmente meno pit stop nel corso delle gare. L’impegno della casa di pneumatici italiana per questo Bol d’Or, che ha visto la partecipazione onsite di oltre 70000 spettatori, è stato notevole: Pirelli ha portato in pista ben 3500 pneumatici per gommare i 20 team (su un totale di 55 squadre iscritte) che hanno scelto di utilizzare i pneumatici della gamma DIABLO™ Superbike. Per Pirelli e per il Team Kawasaki SRC questo non è solo il quartosuccesso consecutivo in questa competizione ma anche l’ottavo insieme negli ultimi 4 anni nel Campionato Mondiale FIM endurance se si considerano anche le quattro vittorie ottenute alla 24 Ore di Le Mans dal 2010 ad oggi