26
Agosto
2016
|
17:34
Europe/Amsterdam

Gran Premio del Belgio 2016 – Prove libere

LE TEMPERATURE DELL’ASFALTO TOCCANO I 44°C, LE PIU’ ALTE REGISTRATE IN BELGIO NELLE ULTIME 6 STAGIONI

MAX VERSTAPPEN STABILISCE IL MIGLIOR TEMPO DELLA GIORNATA NELLE FP2 SU PNEUMATICI SUPERSOFT, ECLISSANDO QUELLO CORRISPONDENTE DELLO SCORSO ANNO

COME PARTE DEL CONTINUO PIANO DI SVILUPPO PIRELLI, I PILOTI HANNO PROVATO DEI PNEUMATICI PROTOTIPO, PROGETTATI PER OFFRIRE MAGGIORE RESISTENZA

Insolitamente per Spa, temperature elevate hanno caratterizzato entrambe le sessioni di prove libere, con quelle ambientali che nel pomeriggio hanno raggiunto i 35°C e quelle dell’asfalto i 44°C. I team hanno usato tutte e tre le mescole nominate – medium, soft e supersoft – con il pilota della Red Bull Max Verstappen più veloce di tutti nella sessione pomeridiana sulle supersoft, con un tempo di 1m48.085s che ha battuto quello delle FP2 dello scorso anno di 1m49.385s. Nico Rosberg aveva già infranto quel tempo nelle FP1, entrando nella storia della Formula 1 per aver girato per la prima volta più veloce di tutti in una sessione ufficiale con il dispositivo halo montato sulla monoposto. Nelle FP2, sia lui sia il suo compagno di squadra, Lewis Hamilton, non hanno girato sulle supersoft. Nel corso delle libere alcuni piloti hanno provato i nuovi pneumatici prototipo Pirelli: ogni team aveva a disposizione due set supplementari per macchina assegnati solo per il venerdì. Questi pneumatici a mescola soft contengono elementi che aiutano a migliorare la resistenza a impatti multipli. Adesso i dati saranno analizzati, con la prospettiva di essere utilizzati in futuro. Con Spa che ha il giro più lungo dell’anno, le supersoft hanno mostrato un vantaggio notevole in termini di prestazioni: per ora di oltre 1,2 secondi. Questo significa che il pneumatico più morbido disponibile sarà la scelta di default in qualifica, per cui per i team oggi è stato molto importante raccogliere più dati possibile sui consumi in vista del gran premio. Se il caldo continuerà per tutto il weekend, le informazioni raccolte oggi dovrebbero avere una correlazione diretta con le qualifiche di domani e la gara di domenica. Paul Hembery, direttore motorsport Pirelli: “Tutti i team sono riusciti ad accumulare molte informazioni che saranno determinanti nel momento di formulare le strategie per la gara, con le supersoft usate per la prima volta a Spa quest’anno. Se il caldo continua, dato che oggi abbiamo notato un degrado piuttosto elevato, la gestione dei pneumatici sarà molto importante domenica. Solo oggi, alcuni piloti hanno utilizzato pneumatici prototipali, delle soft che contengono dei nuovi elementi progettati per migliorare la resistenza a impatti multipli. Uno step che fa parte del nostro continuo programma di sviluppo e adesso analizzeremo i dati per valutare se questi elementi saranno usati in futuro”.

FP1 - TEMPI     FP2 - TEMPI    
1. Rosberg 1m48.348s Supersoft new 1. Verstappen 1m48.085s Supersoft new
2. Hamilton 1m49.078s Supersoft new 2. Ricciardo 1m48.341s Supersoft new
3. Raikkonen 1m49.147s Soft New 3. Hulkenberg 1m48.657s Supersoft new

FP1 - MIGLIOR TEMPO PER MESCOLA

Test Rosberg 1m49.481s
Supersoft Rosberg 1m48.348s
Medium Rosberg 1m49.520s
Soft Raikkonen 1m49.147s

FP2 - MIGLIOR TEMPO PER MESCOLA

Test Hamilton 1m49.782s
Soft Ricciardo 1m49.133s
Medium Rosberg 1m50.558s
Supersoft Verstappen 1m48.085s

STINT PIÙ LUNGHI DELLA GIORNATA

Soft Magnussen 21 giri
Medium Rosberg 18
Test Bottas 15
Supersoft Hulkenberg 13
Supersoft Vettel 13

Statistiche pneumatici del giorno:

  Medium Soft Supersoft Prototipo (Soft)
km percorsi * 1862 2660 1386 179
set usati in totale ** 26 39 41 41
maggior numero di giri ** 18 21 15 15

* I numeri indicano la quantità totale di chilometri percorsi oggi in FP1 e FP2, tutti i piloti insieme. ** Per mescola, tutti i piloti insieme Pressioni minime prescritte per pneumatici slick: 23,5 psi (front), 22 psi (rear) Il fatto del giorno Pirelli: la macchina che lo scorso mese ha vinto la 24 Ore di Spa, fornita in esclusiva da Pirelli, ha coperto un totale di 531 giri, ovvero più di 3.717 chilometri. Il vincitore di domenica dovrà coprirne solo 44: una distanza di circa 12 volte inferiore. Ma le monoposto di F1 viaggiano molto più veloci: la pole position della 24 Ore di Spa è stata di 2m17.671s. Visto nel paddock: Nafi Thaim. L’atleta belga ha conquistato una medaglia d’oro alle recenti Olimpiadi di Rio, ma Spa è un luogo abbastanza noto per lei: la 22enne, quando non si dedica all’atletica, studia infatti geografia all’Università di Liegi. Per ulteriori informazioni: visitate il nostro nuovo sito, regolarmente aggiornato con contenuti e approfondimenti esclusivi, notizie e resoconti. Per saperne di più: www.pirelli.com/global/it-it/belgio-2016-prove