28
Luglio
2014
|
21:28
Europe/Amsterdam

In Repubblica Ceca debutto vincente per Van Horebeek e Tixier con Pirelli SCORPION MX32TM

L’ufficiale Yamaha e quello KTM si impongono a sorpresa con gli pneumatici SCORPIONTM MX rispettivamente nella MXGP e nella MX2; dominio Pirelli anche nella prova dell’Europeo 125
La temuta pista Ceca che ha ospitato la 14a prova del Campionato Mondiale FIM Motocross non ha mancato anche quest’anno di chiudersi con risultati sorprendenti. Ad iniziare dalla vittoria nella classe MXGP del fiammingo Jeremy Van Horebeek, pilota ufficiale Yamaha in gara con SCORPIONTM MX MidSoft 32F anteriore e MidSoft 32 posteriore nella misura 120/90-19 come gli altri piloti Pirelli, che, dopo essersi messo in luce nella prima manche piazzandosi al secondo posto, in quella successiva ha approfittato di un errore di Antonio Cairoli a due giri dalla fine per aggiudicarsi il suo primo GP della categoria 450. Il leader messinese, unico dei piloti Pirelli ad aver utilizzato sull’anteriore una SCORPIONTM PRO per via delle doti di tenuta su terreni misti sassosi, si è dovuto accontentare di tagliare il traguardo secondo chiudendo il GP della Repubblica Ceca terzo alle spalle di Kevin Strijbos portatosi alla ribalta con la vittoria della prima manche. Podio tutto Pirelli quindi nella classe regina, che a tre prove dal termine vede Cairoli al comando con 57 punti di vantaggio su Van Horebeek. Assente il mattatore del campionato nonché capoclassifica Jeffrey Herlings per la frattura del femore sinistro nel corso di una manifestazione benefica, la MX2 ha lasciato spazio agli inseguitori ad iniziare dalla seconda guida KTM Jordi Tixier, in gara con SCORPIONTM MX MidSoft 32F anteriore e MidSoft 32 posteriore come gli altri piloti Pirelli della 250, che con un primo ed un quarto posto si è assicurato la sua prima vittoria Mondiale. Terzo posto per l’altro pilota Pirelli Christophe Charlier, mentre gli attesi protagonisti Tim Gajser e Dylan Ferrandis non sono riusciti a fare meglio di sesto e decimo, quest’ultimo a causa di un tamponamento da parte di un avversario che gli ha procurato la rottura dell’impianto di scarico in Gara 1. Podio tutto Pirelli anche nella prova dell’Europeo 125, che ha visto il tedesco Brian Hsu aggiudicarsi entrambe le manche e passare in testa al campionato davanti all’altro pilota Pirelli Davy Pootjes; seconda piazza per lo svedese Alvin Ostlund che ha preceduto il neozelandese Josiah Natzke. L’ultima prova europea prima delle due sudamericane che daranno il commiato al Mondiale si corre il 3 agosto sulla sabbia della pista belga di Lommel.