21
Giugno
2015
|
12:21
Europe/Amsterdam

Gran Premio d’Austria 2015 - Qualifiche

HAMILTON CONQUISTA LA POLE IN AUSTRIA CON CONDIZIONI METEO VARIABILI. NON ESCLUSA LA PIOGGIA DOMANI

SI PREVEDE UNA STRATEGIA A UNA SOLA SOSTA, ANCHE SE TEORICAMENTE UNA A DUE PIT STOP RISULTA PIÙ VELOCE

Il pilota Mercedes Lewis Hamilton ha agguantato la pole del Gran Premio d'Austria, al termine di una emozionante sessione di qualifiche in condizioni atmosferiche variabili. Hamilton ha ottenuto il suo miglior tempo in Q3 con le P Zero Red supersoft, che sono di circa 0,7 secondi al giro più veloci delle soft, l’altra mescola prevista per la gara. Il miglior tempo di Hamilton è stato più veloce di quello della pole dello scorso anno (ottenuto da Felipe Massa con la Williams), nonostante nel 2014 facesse più caldo. Le qualifiche sono iniziate con temperature fresche, tracciato umido e temperatura massima dell’asfalto di soli 21°. Di conseguenza, nei primi giri della Q1 sono state usate le Cinturato Green intermediate prima che si asciugasse l’asfalto e venissero montate le supersoft. Un pit stop sembra essere la strategia più probabile domani, ma solo in caso di gara asciutta: condizione non sicura. Tuttavia, una strategia a due soste è teoricamente più veloce, ma probabilmente troppo rischiosa in termini di traffico, che può essere un serio problema nel corto Red Bull Ring. La sessione di qualifiche è stata ulteriormente complicata dal fatto che domani ci saranno pesanti sanzioni in griglia per alcuni piloti. Prima che iniziasse a piovere nella FP3 di questa mattina, invece, il pilota della Ferrari Sebastian Vettel ha segnato il miglior tempo con le gomme soft. La maggior parte dei piloti ha atteso nei box che la pioggia finisse; alcuni - tra cui Nico Rosberg con la Mercedes – invece hanno compiuto un paio di giri usando il Cinturato Blu wet, nel caso in cui questo si fosse reso necessario per le qualifiche e la gara. Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli: "Dal momento in cui abbiamo visto il cielo questa mattina, abbiamo capito che sarebbe stata una giornata imprevedibile qui in Austria, e così è stato. In generale tutti i piloti hanno interpretato incredibilmente bene le condizioni di scarsa aderenza e utilizzato la maggior parte delle nostre mescole in circostanze difficili, con la possibilità di realizzare i tempi più veloci solo alla fine di ogni sessione. L'imprevedibilità è destinata a continuare domani: siamo di fronte a tempo incerto e un numero significativo di piloti fuori posizione in griglia. In circostanze normali ci si aspetterebbe un solo pit-stop dalla maggior parte dei piloti, anche se le vetture più veloci potrebbero provare a fare due soste”. Strategia Pirelli: La strategia più veloce sulla carta, per la gara di 71 giri, è teoricamente a due soste: inizio con le supersoft, supersoft di nuovo al 31° giro e soft al 60°. Tuttavia, a causa del traffico, lo scenario più probabile è una sola sosta: inizio con le supersoft poi soft al 25° giro.

I più veloci in FP3:
1 Vettel 1m09.994s Soft nuove
2 Hamilton 1m10.011s Soft nuove
3 Raikkonen 1m10.177s Soft usate
Pneumatici usati dai Top 10:
Hamilton 1m08.455s Supersoft nuove
Rosberg 1m08.655s Supersoft nuove
Vettel 1m08.810s Supersoft nuove
Massa 1m09.192s Supersoft nuove
Hulkemberg 1m09.278s Supersoft nuove
Bottas 1m09.319s Supersoft nuove
Verstappen 1m09.612s Supersoft nuove
Kvyat 1m09.694s Supersoft nuove
Nasr 1m09.713s Supersoft nuove
Grosjean - Supersoft nuove