06
Aprile
2014
|
21:43
Europe/Amsterdam

Gran Premio del Bahrain 2014 - Gara

STRATEGIE GOMME E INGRESSO DELLA SAFETY HANNO DATO VITA
A UNA GARA MOLTO COMBATTUTA

IL GAP PRESTAZIONALE TRA LA MEDIA E LA SOFT SI E’ RIDOTTO CON IL CALARE
 DELLE TEMPERATURE DI PISTA

DA MARTEDI’, CATERHAM, MERCEDES E WILLIAMS TESTERANNO
GLI PNEUMATICI PER PIRELLI IN BAHRAIN

La strategia gomme è stata fondamentale in uno dei Gran Premi più combattuti degli ultimi anni, con un finale emozionante che ha visto l’ingresso della safety car quando mancavano solo 10 giri alla fine.

Dopo la ripartenza, Lewis Hamilton, Mercedes, è andato in testa con gomme medium, inseguito dal compagno di squadra, Nico Rosberg, che ha usato una diversa strategia a due soste, finendo la gara con le gomme soft.

Pur avendo una gomma teoricamente più lenta, Hamilton è riuscito a tenere a bada Rosberg - che ha fatto segnare il giro più veloce - e a conquistare la seconda vittoria consecutiva.

Battaglie simili hanno avuto luogo tra tutti i primi 10 piloti: chi era su mescola più veloce ha lottato con chi era davanti con gomme più lente, a seconda della strategia scelta dal Team.

Il divario di più di un secondo tra il P Zero White medium e il P Zero Yellow soft, registrato a metà giornata, con le alte temperature, si è ridotto notevolmente con il sopraggiungere della sera.

I primi sei piloti hanno adottato tutti una strategia a due soste, alcuni aiutati dalla safety car. Le Red Bull di Daniel Ricciardo e Sebastian Vettel hanno utilizzato differenti tattiche, concludendo la gara rispettivamente al quarto e al sesto posto, dopo essere partiti 13° e 10°. Vettel è stato uno dei due piloti ad iniziare la gara con le gomme medie.

A partire da martedì, i Team inizieranno i primi test in season di questa stagione.

Secondo il regolamento 2014, ogni squadra deve dedicare un’intera giornata di test alle gomme Pirelli. Caterham effettuerà il test per Pirelli martedì, seguiranno Mercedes e Williams mercoledì.

Il Direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery, ha commentato: “Abbiamo visto dei duelli ruota a ruota fantastici durante il Gran Premio, dove la strategia pneumatici e la gestione del passo di gara hanno giocato un ruolo decisivo. Con il calo delle temperature di pista, alcuni Team hanno cambiato la loro strategia, passando da 3 a 2 pit stop.

Quando entra in gioco una safety car alla fine della gara, e i piloti sono su una varietà di gomme differenti, il finale della gara non può che essere sorprendente.

Adesso ci prepariamo per il primo test in-season di quest’anno. Avere l’opportunità di provare con le monoposto attuali è senz’altro positivo per noi, siamo ansiosi di vedere cosa emergerà.

Le strategie di pit stop per i top 8:

Hamilton: inizio con le soft, nuovo set di soft al 19° giro, medium dal 41° giro.

Rosberg: inizio con le soft, medium al 21° giro, nuovo set di soft al 41° giro.

Perez: inizio con le soft, nuovo set di soft al 16° giro, medium dal 34° giro.

Ricciardo: inizio con le soft, medium al 18° giro, nuovo set di soft al 35° giro.

Hulkenberg: inizio con le soft, nuovo set di soft al 15° giro, medium dal 35° giro.

Vettel: inizio con le medium, soft dal 16° giro, nuovo set di soft al 34° giro.

Massa: inizio con le soft, nuovo set di soft al 13° giro, soft al 28° giro, medium dal 38° giro

Bottas: inizio con le soft, nuovo set di soft al 10° giro, soft ancora al 25° giro, medium al 40° giro.

Il tempo più veloce della giornata per mescola:

  Soft Medium Intermediate Wet
Primo  ROS 1m37.020s  HAM 1m37.108s  N/A  N/A
Secondo  RIC 1m39.269s  HUL 1m38.785s  N/A  N/A
Terzo  VET 1m39.312s  MAS 1m39.272s  N/A  N/A

Lo stint più lungo della gara:

Medium  24 giri  Perez  
Soft  24 giri  Vettel
Intermediate  N/A  N/A
Wet  N/A  N/A