Zandvoort,
05
Settembre
2021
|
18:08
Europe/Amsterdam

Gran Premio d'Olanda 2021 – Domenica

PUNTI CHIAVE

  • Max Verstappen su Red Bull ha vinto il suo Gran Premio di casa con due soste e sfruttando alla perfezione tutte e tre le mescole: è partito con P Zero Red soft C3, prima di passare a P Zero Yellow medium C2 e terminare con P Zero White hard C1.
  • Lewis Hamilton (Mercedes), che è arrivato secondo, ha optato per una strategia diversa: è partito con la soft e poi ha fatto due stint con la medium. Ha aggiunto una terza sosta non programmata proprio alla fine della gara montando le soft per conquistare il punto per il giro veloce di gara.
  • I primi cinque classificati sono arrivati ​​nell'ordine in cui sono partiti sulla griglia. Tuttavia, sono state scelte cinque strategie diverse dai primi sei classificati, a dimostrazione dei diversi approcci tattici che molti team hanno adottato per la gara.
  • Sergio Perez (Red Bull) è stato l'unico pilota a partire con la mescola hard, dalla pit lane. È passato da hard a medium a soft, si è classificato ottavo ed è stato votato come pilota di giornata.
  • C'è stato un mix di una e due soste durante la gara, con sette piloti che si sono fermati due volte e gli altri che si sono fermati una sola volta. Hamilton è stato l'unico pilota a fare tre soste.
  • Oggi è stato un po' più caldo rispetto ai giorni precedenti, con temperature della pista che hanno raggiunto un picco di 32 gradi.

COME SI SONO COMPORTATI I PNEUMATICI

  • HARD C1: Hanno giocato un ruolo chiave nella vittoria di Verstappen e la maggior parte dei piloti hanno utilizzato la gomma bianca per lo stint finale. Alcuni hanno completato più di 40 giri su questa mescola, Nicholas Latifi (Williams) ne ha fatti addirittura 47.
  • MEDIUM C2Lando Norris (McLaren) ha completato un lungo stint di apertura di 42 giri su questa mescola e i primi tre hanno utilizzato tutti la medium per gli stint centrali. Hamilton è andato vicino a segnare il giro più veloce su un set di medium usate, prima di passare alle soft proprio alla fine per assicurarsi il punto in più.
  • SOFT C3: La maggior parte dei piloti ha iniziato la gara con questa mescola e entrambe le vetture Mercedes sono passate alla gomma rossa anche sul finale per assicurarsi i giri più veloci di gara. Nonostante il degrado fosse in linea con le aspettative, il livello di usura è stato superiore al previsto.

FORMULA 3: GARA 2 E GARA 3

Ieri Gara 2 è stata vinta Victor Martins (MP Motorsport), che è andato al comando risalendo dalla quinta posizione in griglia. Il poleman della griglia inversa, Ido Cohen (Carlin), ha fatto una brutta partenza lasciandosi sorpassare da Clement Novalak (Trident), ma quest’ultimo è stato poi superato a sua volta dal connazionale Martins dopo una gara in cui la safety car è intervenuta due volte. Gara 3 di oggi è stata vinta dal leader del Campionato Dennis Hauger (Prema) che è scattato dalla partito pole, mentre David Schumacher (Trident) ha perso il secondo posto a seguito di un contatto, con conseguente intervento della safety car virtuale, permettendo ancora una volta a Novalak di classificarsi secondo. I pneumatici P Zero White hard nominati per questo fine settimana (con tre gare di 24 giri ciascuna e senza soste obbligatorie) hanno offerto buone prestazioni. Il prossimo e ultimo round del campionato è stato anticipato da Austin a Sochi.

MARIO ISOLA – RESPONSABILE F1 E CAR RACING

Tutte e tre le mescole che abbiamo nominato per la gara hanno giocato un ruolo di primo piano come evidenziato dall’ampia varietà di strategie adottate oggi su questo nuovissimo ed emozionante circuito dove i piloti hanno spinto al massimo fino alla fine. Le temperature più calde di oggi rispetto ai giorni precedenti hanno messo ancora più alla prova i pneumatici quindi la decisione di venire qui con le tre mescole più dure della gamma è stata sicuramente corretta. L'usura è stata superiore a quella che eravamo riusciti a calcolare a causa della mancanza di long run prima della gara, mentre il degrado è stato in linea con le aspettative. Prima di quello realizzato con soft dopo l’ultimo pit-stop, propri i pneumatici medium usati hanno consentito a Hamilton di realizzare il giro più veloce di gara. Congratulazioni a Max Verstappen e Red Bull per questa bella vittoria in casa”.

I TEMPI MIGLIORI DELLA GIORNATA PER MESCOLA
HARD MEDIUM SOFT
Verstappen
1m13.275s
Hamilton
1m13.124s
Hamilton
1m11.097s
Norris
1m14.236s
Verstappen
1m13.921s
Bottas
1m12.549s
Leclerc
1m14.780s
Vettel
1m13.958s
Pérez
1m13.461s
STINT PIÙ LUNGHI DELLA GARA
MESCOLA PILOTA GIRI
HARD C1 Latifi 47
MEDIUM C2 Gasly 47
SOFT C3 Leclerc 34
RIEPILOGO PIT STOP
VETTURA PILOTA AL VIA PIT 1 PIT 2 PIT 3
33 VER C3u C2n (21) C1n (40)  
44 HAM C3u C2n (20) C2u (39) C3u (70)
77 BOT C3u C2n (31) C3u (67)  
10 GAS C3u C2n (24)    
16 LEC C3u C1n (34)    
14 ALO C3u C2n (33)    
55 SAI C3u C1n (31)    
11 PER C1n C2n (8) C3n (47)  
31 OCO C3u C2n (31)    
4 NOR C2n C1n (42)    
3 RIC C3u C1n (30)    
18 STR C3n C1n (27)    
5 VET C3n C1n (10) C2n (44)  
99 GIO C3u C2n (27) C1n (33)  
88 KUB C2n C1n (40)    
6 LAT C2n C1n (23)    
63 RUS C2n C1n (27) C3n (68)  
47 MSC C3n C1n (4) C2n (30)  
22 TSU C3n C2n (31)    
9 MAZ C2n C1n (33)    

C1 = Hard C1 | C2 = Medium C2 | C3 = Soft C3
n = new | u = used