Milano,
04
Luglio
2023
|
15:03
Europe/Amsterdam

UN DEBUTTO IMPORTANTE SU UNA DELLE PISTE PIÙ DURE PER I PNEUMATICI

MARIO ISOLA - DIRETTORE MOTORSPORT     
 

“Il Gran Premio di Gran Bretagna segnerà il debutto di una nuova costruzione dei pneumatici da asciutto, la cui introduzione anticipa l’utilizzo di materiali previsti per il 2024. La modifica si è resa necessaria in considerazione dell’incremento di prestazioni delle monoposto – in termini di carichi e velocità - registrato fin dalle prime gare della stagione rispetto alle simulazioni che erano state fornite dalle squadre a Pirelli l’inverno scorso e alla luce della loro verosimile evoluzione fino alla fine del campionato. In questi anni abbiamo lavorato intensamente nell’ambito della simulazione in modo da essere in grado non soltanto di fornire un prodotto che rispettasse i target di prestazione definiti da tutti gli stakeholder ma anche di saper anticipare eventuali problemi e di reagire con prontezza.

La nuova specifica rende il pneumatico più resistente alla fatica ma non ne altera altri parametri tecnici né il suo comportamento in pista. Tutti i team hanno avuto la possibilità di testarla in occasione dello scorso Gran Premio di Spagna, quando abbiamo messo a disposizione due set supplementari per ciascun pilota: i commenti ricevuti sono stati in linea con quelle che erano le nostre aspettative, soprattutto in termini di trasparenza della prestazione. Inoltre, la nuova specifica consente a Pirelli di mantenere sostanzialmente inalterate rispetto allo scorso anno le pressioni dei pneumatici anteriori e posteriori, pur in presenza di un significativo incremento medio dei carichi.

Il debutto avverrà su una delle piste tradizionalmente più impegnative per le gomme: non è un caso che nella nostra scala interna di misurazione Silverstone sia al vertice in termini di stress e di forze laterali esercitate, in particolare sul pneumatico anteriore sinistro. Coi suoi curvoni veloci, la pista mette a dura prova anche i piloti, che devono sopportare accelerazioni laterali superiori ai 5 g. La scelta delle mescole, la cui gamma non ha subito alcuna modifica a seguito dell’aggiornamento della costruzione, è rimasta invariata rispetto alle recenti edizioni – C1 come Hard, C2 come Medium e C3 come Soft – perlomeno in termini di nomenclatura. Infatti, la C1 odierna è una mescola nuova, che si colloca in posizione intermedia fra la C2 e la C0, denominazione aggiornata della mescola più dura della gamma 2022”.

I PNEUMATICI IN PISTA 

  • Al Gran Premio della Gran Bretagna, i team utilizzeranno C1 come P Zero White hard, C2 come P Zero Yellow medium e C3 come P Zero Red soft. Una scelta dovuta agli alti livelli di energia che Silverstone esercita sui pneumatici. 
  • La pista inglese è una delle più severe, in particolare per l’anteriore sinistra che deve sopportare dei carichi elevati in otto diverse curve.
  • Su questo tracciato si registrano alcune delle velocità medie più alte in curva (le Maggotts, Becketts e Chapel vengono percorse a piena velocità) e i piloti sono sottoposti a elevate forze laterali che superano anche i 5 g.
  • Durante l’edizione 2022, i piloti hanno utilizzato, per la maggior parte, una strategia su due soste. Tutte le mescole sono state utilizzate nel corso del Gran Premio ma anche come set iniziale sulla griglia di partenza. 
  • Il primo posto nel Gran Premio di Gran Bretagna del 2022 è stato di Carlos Sainz (Ferrari) che ha così conquistato la sua prima vittoria in Formula 1, ottenuta anche dalla pole position.
  • L’11 e il 12 luglio, Pirelli rimarrà a Silverstone per i test di sviluppo sui pneumatici da asciutto senza termocoperte. Parteciperanno al test Red Bull (un giorno), Haas e Williams. 
  • Dopo Monza, Silverstone è uno dei circuiti permanenti storici del campionato di Formula 1. Il circuito nel Northamptonshire ha ospitato infatti 57 Gran Premi. Nel 2020, si è disputato il Gran Premio della Gran Bretagna e, la settimana successiva, il Gran Premio che celebrava il 70° anniversario dalla prima gara disputata in F1 il 13 maggio 1950, proprio a Silverstone.
  • La squadra più vincente nell’autodromo inglese è la Ferrari con 15 vittorie. È invece Sir Lewis Hamilton ad essere il pilota più premiato a Silverstone con 8 vittorie. Il pilota ha ottenuto il titolo quando è diventato Cavaliere per volontà della Regina Elisabetta. La cerimonia di investitura, nel 2021, è stata tenuta dall’attuale Re, Carlo III.
HeaderFormula2-EN

Formula 2

Pirelli porterà in Gran Bretagna le mescole P Zero White hard e P Zero Red soft. Silverstone è il circuito più impegnativo dell’anno dal punto di vista dei carichi esercitati sulle gomme, insieme a Spa in Belgio. È probabile che le squadre utilizzino mescole differenti alla partenza della Feature race, diversificando le loro strategie. Iniziare con la Soft, sebbene sia la strategia teoricamente più lenta, potrebbe dare un significativo vantaggio alla partenza e aiutare a mantenere la posizione in pista. La mescola dura, che è l'unica ipotizzabile per la gara Sprint, con un po’ di gestione, manterrà invece la sua consistenza. Uno dei fattori chiave in gara potrebbe essere il clima britannico, come noto molto variabile in questo periodo dell'anno.

Formula 3

La mescola scelta per il weekend di gara in Inghilterra è la P Zero White hard. Il circuito di Silverstone è uno dei più impegnativi del calendario tanto da richiedere la mescola più dura della gamma. Le curve estremamente rapide e con notevoli forze generate sulle gomme, come le combinazioni Maggotts e Becketts, non sono l'unica sfida che la pista offre. I piloti dovranno concentrarsi sulla gestione termica degli pneumatici. Lo stile di guida e l'assetto della vettura potrebbero essere limitanti e differenziare i punti di forza dei piloti a seconda del tipo di curva che affrontano.

PIRELLI NEL MOTORSPORT

Fondata nel 1872, Pirelli è un’azienda con profonde radici italiane ma riconosciuta in tutto il mondo per le sue tecnologie all’avanguardia, la capacità di innovazione e la qualità dei prodotti. Il motorsport ha sempre avuto un ruolo di prim’ordine nella sua strategia, con la filosofia “From race to road”. Pirelli è impegnata nelle competizioni da 116 anni e oggi fornisce pneumatici in oltre 350 campionati automobilistici e motociclistici. L’azienda ha una costante attenzione all’efficienza nell’uso delle risorse ambientali e energetiche e raggiungerà la Carbon Neutrality entro il 2030.
Dal 2011, Pirelli è Global Tyre Partner del FIA Formula 1 World Championship™. Pirelli Motorsport è inoltre fornitore dei campionati FIA Formula 2, FIA Formula 3, Formula Regional European Championship by Alpine, FIA World Rally Championship, GT World Challenge e di numerose altre serie nazionali.